inicjalization...Homepage Mauszeiger

domenica 30 giugno 2013

Marcia a Ferrania e la torta di riso

Marcia a Ferrania, purtroppo marcia vorrebbe dire corsa non competitiva, ma in questo caso “marcia” vuol dire brutta figura, da parte degli organizzatori, che fanno pagare 7 euro per una corsa e alla fine non organizzano un ristoro degno di questo nome.
Al termine di tutte le corse amatoriali si trovano bevande e qualcosa da mangiare, biscotti, focaccia, o altro a seconda degli organizzatori, a Ferrania solo acqua di fonte e thè, magari offerto da qualche sponsor, da mangiare nulla, nemmeno una zolletta di zucchero, eppure una gara impegnativa di 11 km, con una discreta salita, di energie te ne fa sprecare e trovare qualcosa da mangiare all'arrivo non dispiacerebbe.
Mi tornano alla mente quelle scenette di cabaret di qualche anno fa, che paragonavano l'ospitalità ligure a quella emiliana e il protagonista (ligure tra l'altro) alla fine diceva sempre che l'alternativa era tra la torta di riso e prendersela nel culo, peccato che la torta di riso fosse finita.
Ebbene noi podisti a Ferrania non abbiamo trovato più torta di riso, un vero peccato perché il posto è bello, la gara anche, per chi ama correre nei boschi; gli organizzatori invece sono scandalosi, meno male che non tutti i liguri sono così, non riesco a capire perché se vai a correre in Piemonte paghi 5 euro, hai il pacco gara con prodotti alimentari, niente di eccezionale ma fa piacere e dopo la gara c'è quasi sempre il pasta party per tutti e questo salvo eccezioni in Liguria non si può fare. Comunque per quanto mi riguarda l'anno prossimo in concomitanza con la gara di Ferrania preferirò passare una giornata al mare.

Nessun commento:

Posta un commento